Attualità

Crotone, musica nei locali: le regole non cambiano

Il regolamento di Polizia Urbana per la civile convivenza in città, approvato dal Consiglio Comunale prevede all’Articolo 29 gli orari di esercizio delle attività musicali dei pubblici esercizi e prevede:

1. Fatto salvo quanto previsto dall’apposita normativa di settore, nei locali pubblici o all’aperto, le sorgenti sonore fisse o elettroacustiche, ovvero le manifestazioni musicali (concerti, piano bar, audizioni e simili) che immettono suoni nell’ambiente esterno e/o abitativo possono tenersi dalle ore 10,00 alle ore 12,00 e dalle ore 16,00 alle ore 01.00.
Nel periodo 20 giugno-20 settembre il limite serale è prorogato alle ore 02.00 nei giorni di venerdì e sabato. Il divieto non si applica in occasione di fiere, manifestazioni od altri eventi autorizzati a seguito di deroga concessa dall’Amministrazione comunale

2. Ai fini del precedente comma vengono considerati ambiente esterno il marciapiede pubblico, le vie pubbliche antistanti gli esercizi, i locali destinati ad altre attività e le abitazioni private confinanti e non.

3. Il Sindaco, con apposito provvedimento, potrà modificare gli orari e i periodi a seconda delle necessità.

4. Nell’esercizio delle attività di cui sopra è vietato arrecare molestia e disturbo al vicinato.

5. Chiunque viola le disposizioni del presente articolo è ammesso al pagamento in misura ridotta all’atto dell’accertamento, nelle mani dell’agente o entro 60 giorni dalla contestazione o notifica degli estremi della violazione, di una somma determinata in € 516,00, pari al doppio del minimo della sanzione edittale prevista dal comma 3 dell’articolo 10 della Legge 447/95.

6. La Polizia Giudiziaria procederà, inoltre, al sequestro amministrativo dell’impianto dalla terza violazione dei commi 1, 2, 4 e 5.