Attualità

Crotone, Luca Mancuso (Fenimprese ) : “Un secondo lockdown rappresenterebbe la morte della nostra economia e del nostro Paese”

Riceviamo e pubblichiamo

Invitiamo tutti i cittadini a fare uno sforzo. Sarebbe criminale e da egoisti non applicare quelle attenzioni minime che ci vengono richieste per evitare una seconda ondata del virus.

Noi di FenImprese tremiamo alla sola idea di una nuova chiusura, le imprese italiane già in forte crisi faranno grandissima fatica a riprendersi. Quando sento parlare di una nuova chiusura mi vengono i brividi. Se così dovesse essere, il mio pessimismo sarebbe totale, con il rischio più che concreto di non farcela.

Per esempio l’85% dei commercianti scongiura un secondo lockdown perché se così fosse un’azienda su tre chiuderebbe i battenti per sempre secondo alcuni studi.

A seguito di questa crisi la situazione è peggiorata di molto, occorre salvaguardare il più possibile il nostro sistema produttivo per essere pronti a soddisfare le richieste nel momento in cui si manifesterà una ripresa economica. La salvaguardia del sistema produttivo può essere attuata dall’ente pubblico attraverso gli strumenti di cui dispone, ad esempio nell’ambito dell’occupazione e allo stesso tempo attraverso un impegno sul fronte degli investimenti pubblici.

Molto dipenderà anche dai settori delle esportazioni, che rimarranno molto sotto pressione finché non ci sarà una ripresa a livello globale. Occorrerà un grande sforzo di dialogo e concertazione da parte di tutte le forze politiche per affrontare i diversi elementi critici, ossia la crisi finanziaria, economica e sociale. Uno sforzo unitario dunque, come già avvenuto nei mesi più duri della pandemia.
Credo che sia questa la premessa necessaria per permettere allo Stato di intervenire in maniera rapida, credibile e autorevole.

Qualcuno non ha capito che abbiamo in precedenza quasi ottenuto l’appiattimento della curva ma non l’abbiamo azzerata. Se allentiamo la guardia, appunto smettendo di usare la mascherina quando serve, rischiamo di tornare indietro. Uniti ne usciremo.

Luca Mancuso
Presidente FenImprese