Attualità

Crotone: Incontro con Don Ciotti per i ragazzi della Consulta studentesca

I giovani della Consulta studentesca della Provincia di Crotone, accompagnati da Santino Mariano, hanno incontrato nella tarda mattinata di ieri, al termine della manifestazione in ricordo di Dodò Gabriele, nella sala giunta del Comune di Crotone il presidente di Libera Don Luigi Ciotti.
A Don Ciotti i ragazzi hanno voluto raccontare il loro impegno in direzione dell’affermazione dei diritti e della legalità sfociato in un interessante progetto che li ha visti camminare e lavorare insieme ai giovani della Consulta studentesca di Milano.
“Io Gioco per Denise”, questo il progetto, un progetto importante da cui è scaturito un gemellaggio nel ricordo di Lea Garofalo e a sostegno di sua figlia Denise.
La scuola crotonese si è mobilitata, quella milanese ha risposto e insieme hanno dato vita alla “Marcia della Pace e della Legalità” partita da Pagliarelle, frazione di Petilia Policastro, fino al Campo Sportivo di Vaccarizzo, dove si è poi svolta la partita di calcio “Io gioco per Denise”.
Insieme nel nome di Denise, in un percorso educativo che si è concluso a Crotone con la  Giornata dell’Arte e della Creatività studentesca, dove i giovani studenti pitagorici hanno dato vita a momenti di musica e arte e gli studenti della Consulta di Milano hanno esibito una tela dipinta dai suoi giovani artisti.
Un progetto che i giovani componenti della Consulta desideravano far conoscere a Don Ciotti e alla stessa Denise a cui hanno inviato la bandiera dell’iniziativa con tutte le loro firme.
Il presidente di Libera, nel dirsi compiaciuto dell’impegno profuso dai giovani studenti li ha invitati a proseguire nel loro impegno, in particolare li ha invitati a mantener vivo il desiderio di conoscenza, a non fermarsi mai davanti a ciò che viene raccontato ma a saper andare dentro e oltre le storie ricercando la verità.
Ma sopratutto Don Ciotti ha invitato i ragazzi a essere liberi, poiché la libertà é un grande dono da difendere e tutelare per tutti
I ragazzi, attraverso il loro portavoce, Cosimo Mollica hanno inoltre annunciato che con la condivisione della Consulta regionale intendono dar vita al progetto “Io gioco per Dodò”, una proficua alleanza educativa e formativa tra i territori scolastici, a simbolizzare il comune impegno per mantenere viva la memoria di chi innocente   ha perso la vita per mano della criminalità organizzata.
Nel salutare i ragazzi Don Ciotti  ha sostenuto che la speranza comincia dalla scuola, dall’acquisizione dei saperi e ha invitato i ragazzi a non smettere di sognare a lavorare in direzione di un mondo fondato sulla giustizia, sulla solidarietà e sulla pace poiché il  cambiamento ha bisogno dei ragazzi.