Cronaca

Crotone: Il Pitagora ferito dall’ignoranza

 

E’ stata apostrofata in ogni modo dai cittadini crotonesi, non certo con nomignoli simpatici, non con lo scopo di evidenziarne bellezza e design, ma è chiaro che ci si deve indignare davanti alla dilagante ignoranza di colui che ha osato imbrattarla.
Da sempre Crotone è definita la città di Pitagora, a lui abbiamo dedicato la piazza centrale della città, gli intitoliamo aziende e convegni, strutture e studi, lo si cita e lo si prende a modello, studiamo i suoi teoremi sin dalla più tenera età scolare, ma tutto ciò che le amministrazioni cittadine sono riuscite a partorire in sua memoria è una scultura, in un angolo nascosto della sua piazza, che la gente ha difficoltà a riconoscere se non dopo una dettagliata spiegazione: “Hai presente quel dipinto di Raffaello??? «La scuola di Atene», quello in cui Pitagora è uno dei tantissimi raffigurati…. etc etc etc” beh il dipinto è famoso, ma non è la “Gioconda di Leonardo” universalmente riconosciuta; e se la nostra mancanza di cultura artistica ci fa faticare a riconoscere in una sagoma l’uomo del teorema, non sentivamo comunque il bisogno che un vile ignorante la imbrattasse con un pennarello scrivendoci su, tra l’altro in modo assolutamente sgrammaticato, il nome del filoso da Samo.
In due sole parole, E PITAGORA, l’ignoto ignorante è riuscito a dimostrare quanta strada dobbiamo ancora fare per riuscire a vivere degnamente la nostra città, a farla diventare seriamente la città di Pitagora, a far si che chi venga in questo luogo si possa davvero sentire in un luogo di cultura e storia.

Fabrizio Carbone

 

Articoli correlati