Cronaca

Crotone, guardia giurata aggredita al Pronto Soccorso: la Fisascat Cisl chiede il rafforzamento della sicurezza

Ancora un’aggressione al Pronto Soccorso del San Giovanni di Dio. L’episodio, denunciato dal segretario provinciale della Fisascat Cisl Salvatore Federico, si è verificato domenica 2 agosto ai danni di una guardia giurata armata, aggredita da quattro persone, nel tentativo di far rispettare le regole. Sette i giorni di prognosi riportati dall’uomo. Si riaccendono dunque i riflettori sull’esigenza del rafforzamento della sicurezza nella struttura sanitaria pitagorica. In questa direzione, l’appello lanciato dal segretario provinciale della Fisascat Cisl, Salvatore Federico nell’esprimere solidarietà e vicinanza alla Guardia Giurata e alla sua famiglia. Federico nel condannare l’aggressione “meschina e violenta” ai danni della guardia giurata sottolinea che “il lavoratore ha sempre cercato, con lucidità di mantenere la calma nel tentativo di evitare ciò che poi, purtroppo, è successo”. “Sempre più frequentemente, sostiene Federico, in questo contesto ci si ritrova dinnanzi a persone che non hanno idea di cosa significhi rispettare le regole e pensano bene di mettere in atto vili aggressioni. A seguito delle restrizioni esistenti a causa dell’emergenza epidemiologica episodi di questo genere – continua Federico – si verificano con molta frequenza. A tale proposito come Fisascat CISL Calabria – conclude Federico – stigmatizziamo questi questi episodi e chiediamo con forza agli enti preposti di rafforzare la sicurezza nelle postazioni sensibili, affinché simili episodi non debbano più verificarsi”.