Cronaca

Crotone: fermato lungo la SS 106 autocarro carico di materiale da demolizione, due denunce

I carabinieri forestali nei giorni appena scorsi hanno bloccato un autocarro che trasportava illegalmente rifiuti derivanti da una ristrutturazione edilizia in un’area periferica della città di Crotone. Dagli accertamenti ancora in corso di svolgimento è emerso che i lavori non erano stati autorizzati dall’ufficio tecnico comunale preposto. Due persone sono state deferite all’Autorità giudiziaria.

I militari della stazione CC Forestale Crotone, in servizio esterno nel territorio, hanno notato un autocarro lungo la strada statale 106 che trasportava materiale proveniente dalla demolizione di opere edili. Dai controlli subito eseguiti è emerso che l’autocarro era privo di autorizzazione per il trasporto delle macerie, classificate rifiuti speciali, soggette a procedure di smaltimento specifiche. Sono risaliti, inoltre, al cantiere di provenienza dei rifiuti, una villetta in corso di ristrutturazione nella località Margherita del capoluogo. I lavori in corso d’esecuzione, peraltro, erano privi dell’atto di assenso richiesto dalle norme vigenti.
Il conducente dell’autocarro e il proprietario della villetta da cui provenivano i rifiuti di demolizione sono stati deferiti alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Crotone, in concorso, per gestione illecita di rifiuti speciali come previsto dalle norme in materia ambientale. Sono in corso ulteriori accertamenti volti a chiarire compiutamente le responsabilità.
È il secondo caso di smaltimento illecito di rifiuti derivanti dall’attività edilizia che i carabinieri forestali scoprono negli ultimi giorni a Crotone. Ciò conferma l’ipotesi che il comportamento sia piuttosto diffuso, come supposto dagli investigatori. I rifiuti sarebbero stati verosimilmente abbandonati ai margini di qualche strada, magari con il pretesto di migliorane il fondo per agevolare la transitabilità. Tale condotta non è consentita dalle norme vigenti.
L’attività svolta dai carabinieri forestali, oltre a prevenire il degrado ambientale prodotto dall’inquinamento, contribuisce in questo caso anche al decoro delle aree pubbliche, orientando la collettività verso comportamenti consapevoli e sostenibili.