Attualità

Crotone: Domenica 19 luglio al Giardino Falcone e Borsellino si commemora la “Strage di via D’Amelio”

Il 19 luglio del 1992 è una data che non possiamo permetterci di dimenticare, deve essere incisa nelle nostre coscienze.
Non si può dimenticare che in Via D’Amelio a Palermo, all’altezza del civico 21, una Fiat 126 rubata con cento chili di tritolo saltò in aria uccidendo Paolo Borsellino e i cinque agenti della sua scorta: Agostino Catalano, Emanuela Loi, Vincenzo Li Muli, Walter Eddie Cosina e Claudio Traina. Unico sopravvissuto l’agente Antonino Vullo. Diverse le manifestazioni in tutta Italia, a Crotone, questa data come ogni anno verrà ricordata dal Coordinamento di Libera con la commemorazione delle vittime della strage di via D’Amelio, che si svolgerà domenica 19 luglio alle ore 18.30 come sempre presso il Giardino “Giovanni Falcone e Paolo Borsellino” in via Gaetano Morelli, perché ci sono date che non si possono e non si devono dimenticare. Onorare le vittime di quello e dei tanti altri attentati mafiosi ha un senso soltanto se accompagnato dalla testimonianza di ciascuno di noi, dal nostro agire quotidiano.
Come ci ricorda don Ciotti “abbiamo bisogno di una memoria viva che si traduca tutti i giorni in responsabilità e impegno. Dobbiamo trasformare la memoria del passato in un’etica del presente”.
Onorare la memoria di Falcone e Borsellino significa far vivere i valori che ci hanno trasmesso, soprattutto nelle situazioni difficili, di fronte alla criminalità organizzata, alla corruzione, ai diritti negati. Ognuno di noi deve fare qualcosa, ognuno per quello che può e per quello che sa. Anche questo evento quest’anno assumerà necessariamente una forma diversa dal passato a causa delle restrizioni necessarie per contenere la diffusione del virus Covid-19. Pertanto per i partecipanti sarà necessario mantenere le misure di distanziamento
sociale e indossare la mascherina.