Attualità

Crotone, Dom beach e il Calabrian tiki al “TheRumDay 2019”

Il 27 e 28 ottobre si è svolto a Milano il Rumday, un evento italiano all’insegna della canna da zucchero, fra grandi rum da meditazione, rum da miscelazione e cachaça. Tra i special guest di questa edizione: i tiki cocktail.

All’evento ha partecipato il crotonese Domenico Federico, titolare di “Alexander AmaAre” conosciuto ai più come “DomBeach”, creatore della miscelazione “Calabrian Tiki”

I tiki sono le maschere con fattezze umane che raffigurano dei delle popolazioni dei mari del sud, ( Polinesia, Micronesia, Isole Salomone ecc) ed una delle forme di divinazione di questi è di appendere tali effigi sulla soglia delle capanne per scacciare il malocchio e gli spiriti maligni

Una grandissima analogia con le maschere apotropaiche calabresi che svolgono la medesima funzione ed aggiungiamoci pure che la Calabria con le sue innumerevoli bellezze può essere a pieno titolo “I mari del sud europeo” con il suo fascino, il suo esoterismo e il mistero di una terra tutta da scoprire.

Da questo sogno DomBeach ha creato una nuova miscelazione che poggia le sue basi sull’utilizzo dei tesori che la nostra terra ci offre, ogni giorno, e sulla riscoperta delle tradizioni fino all’esaltazione del nostro dialetto, troppo spesso fonte di vergogna, ma vero e proprio tratto distintivo della nostra popolazione .

Non poteva passare molto tempo che la mixology nazionale di accorgesse di questa innovazione, ed infatti DomBeach è stato invitato a far parte del TikiBar più grande d’Italia all’interno del RumDay, una fiera espositiva internazionale sul rum, attore tradizionale di questa miscelazione “esotica”, insieme ai migliori tikiMen italiani, un grande riconoscimento per il lavoro di innovazione culturale fatto fin ora, perché il bartending e la mixology non sono assolutamente secondi ad altre branchie dell’hospitality.

È stato un tripudio di Bergamotto, Peperoncino, liquirizia, liquori calabresi Annone e….Brasilena che hanno letteralmente stupito gli addetti ai lavori e semplici appassionati provenienti da tutta Europa

I drink proposti sono stati due, accuratamente selezionati per l’evento: U CUTRUNIS A MILANO, drink autobiografico con la Brasilena per raccontare la storia dei nostri concittadini che al ritorno dalle vacanze estive portano con se al nord la mitica bevanda gassata al caffè.

Il secondo drink é la rivisitazione del più conosciuto cocktail tropicale: la Pinha Colada.
DomBeach l’ha letteralmente tradotta in PIGNATTA CA SCULA utilizzando l’annona, frutto che cresce solo in Calabria, il bergamotto, l’immancabile nota del peperoncino, per un drink unico poiché si può realizzare solo utilizzando gli ingredienti dei nostri mari del Sud.

Una presenza di non poco conto che ha strabiliato tutti quella di Dombeach che per l’occasione ha dato vita al motto: “Se non potete arrivare in paradiso lo porterò io da voi”….. e così é stato.