Politica

Crotone: Dirigenti del PD appoggiano Martina alla segreteria del partito

In vista dell’ormai prossimo Congresso, è cosa del tutto naturale, in un partito come il PD, che è l’unico nel nostro Paese a praticare realmente la democrazia, che esponenti di gruppi dirigenziali, semplici iscritti e simpatizzanti cerchino di organizzarsi, per posizionarsi con senso unitario, con autentico spirito di collaborazione e con motivata convinzione su questa o su quella candidatura alla Segreteria Nazionale.
Ciò è quanto è avvenuto anche nella nostra città, dove un folto gruppo (Mario Galea, Rocco Gaetani, Marilina Intrieri, Carmine Talarico, Filippo Esposito, Salvatore Dilascio, Osvaldo Scarriglia, Salvatore Frisenda, Pierluigi Adolfini, Giuseppe Stasi, Salvatore Cammariere, Domenico Galea, D’Amore Giacomo, Dino Manfredi, Giuseppe Laurenzano, Andrea Ferraggina, Maurizio Vrenna, Francesco Lorenzano e Riccardo Lorenti) giorno 5 u.s., ha stabilito, attraverso video conferenza, un incontro col candidato Maurizio Martina, su cui è stata fatta convergere la sua scelta per molteplici ragioni, la prima delle quali è costituita dal fatto che lo stesso ha saputo già, durante il periodo di reggenza della Segreteria Nazionale, offrire prove di grande senso di responsabilità, di spirito di unione e di rispetto nei confronti delle altrui posizioni, mettendo in chiaro quello che, a suo giudizio, è il vero scopo del prossimo Congresso, ovvero la ricerca delle idee, del progetto e delle strategie migliori, per battere la politica del Governo Gialloverde, basata sull’incompetenza, sulla faciloneria e sulle chimeriche promesse.
Martina – sostiene Mario Galea – ci è apparso il candidato più adatto alla difficile situazione attuale, perché ha più volte posto l’accento sull’urgente e non più rinviabile necessità di volersi battere, affinché il PD, bandendo ogni forma di rivalità, di divisione e di personalismo, torni ad essere, in ogni sede e in ogni circostanza, una squadra unita e compatta, come ha saputo esserlo in tante difficili circostanze della sua lunga e gloriosa storia passata.
Nell’incontro in video conferenza di cui sopra, attraverso numerosi interventi, sono stati affrontati, oltre a quello che riguarda la rigenerazione del partito, temi molto importanti, quali la cruciale questione del Mezzogiorno, ormai del tutto abbandonato a se stesso dall’attuale Governo, il quale si è dimostrato bravo solo in campagna elettorale ad illudere la gente con belle e facili promesse, e la necessità di ricucire quel suo tradizionale rapporto con i ceti popolari e così di dialogare, confrontarsi e costruire dal basso le proposte efficaci e concretamente risolutive degli specifici problemi del territorio.
Maurizio Martina, sia per l’importante esperienza politica e di governo che ha maturato fin qui e sia per la profonda e dettagliata conoscenza della realtà italiana che ha avuto modo di acquisire in tutti questi anni, sarà senz’altro capace di trasformare il Pd in un partito aperto, plurale e in grado di dotarsi di una nuova classe dirigente. Da lui ci aspettiamo un PD che, ad ogni livello, non si rinchiuda in se stesso, che al contrario si apra quanto più ad un mondo, come quello sotto i nostri occhi, che è continuamente proteso a cambiamenti molto veloci e che, infine, sappia costruire l’alternativa credibile per battere l’attuale governo, populista e inconcludente.
Il gruppo- conclude Mario Galea -s’incontrerà nuovamente con l’on. Martina il prossimo 17 dicembre a Napoli.