Politica

Crotone, “Decreto Sicurezza”: Cerrelli (Lega Salvini premier) definisce “Irresponsabile e spregiudicata” la richiesta di Michele Ambrosio (PD)

“Irresponsabile e spregiudicata” così il Segretario della Lega Salvini Premier di Crotone, avv. Giancarlo Cerrelli, definisce la richiesta del capogruppo PD Michele Ambrosio di convocare una seduta del Consiglio Comunale di Crotone al fine di approvare un provvedimento che sospenda il “decreto sicurezza”, ormai diventato legge”, così emulando la decisione di alcuni sindaci sinistri.
“Il PD di Crotone, sostiene Cerrelli, sostenuto da quella frangia del Terzo settore che si lamenta del decreto sicurezza per la diminuzione del loro business sulla pelle dei migranti – continua Cerrelli – si associa alla crociata di alcuni sindaci contro il decreto sicurezza non sapendo che la nuova legge aggiunge soldi e uomini alla sicurezza della nostra e delle loro città.
Ambrosio e i suoi amici del Terzo settore – afferma ancora Cerrelli – vogliono forse che il Comune rinunci ai soldi destinati anche alla città di Crotone dal “decreto sicurezza”: a) per potenziare la video-sorveglianza? b) per incrementare il fondo per la sicurezza urbana? c) per attuare il programma per scuole sicure? e ad altro ancora?
il Segretario della Lega Salvini Premier invita a tale proposito Ambrosio e il Terzo Settore ad interpellare direttamente i cittadini al fine di conoscerne il pensiero in merito.
Il decreto sicurezza – conclude Cerrelli – taglia il business dell’immigrazione e magari qualcuno di quei sindaci rimpiange quel business miliardario, tuttavia, – conclude Cerrelli – ci dispiacerebbe se anche il Sindaco di Crotone si unisse a quel coro stonato di sindaci che certamente non hanno a cuore gli interessi dei loro concittadini.”