Cronaca

Crotone, controlli della Polizia di Stato: denunce e sanzioni per consumo di droga e guida in stato di ebbrezza

Continua senza sosta l’attività di controllo del territorio da parte degli uomini della Polizia di Stato nell’ambito del Piano d’azione nazionale e transnazionale Focus ‘ndrangheta.

Nella notte tra domenica 27 e lunedì 28 ottobre u.s., personale della Squadra Volante, a seguito di un controllo, ha deferito all’Autorità Giudiziaria G. E. nato in Svizzera classe 1989, residente a San Giovanni in Fiore (CS), per il reato di “minaccia a Pubblico Ufficiale” e S. N. nato a San Giovanni in Fiore (CS) classe 1987, per i reati di “guida in stato di ebbrezza” e “rifiuto di sottoporsi agli accertamenti finalizzati alla verifica dell’alterazione di assunzione di stupefacenti”. Inoltre S. N. veniva segnalato amministrativamente al sig. Prefetto per assunzione di sostanze stupefacenti. Nella circostanza, il predetto veniva trovato in possesso di gr. 0,3 di sostanza stupefacente del tipo “cocaina”, opportunamente sequestrata.
Infine, per entrambi i soggetti, è stato dato avvio al procedimento amministrativo finalizzato al “foglio di via obbligatorio” dal comune di Crotone.

Nella giornata di lunedì 28 ottobre 2019, personale della U.P.G.S.P., ha segnalato al Sig. Prefetto, G. D. nato a Crotone nel 2004, in quanto assuntore di sostanza stupefacente poiché ad un controllo lo stesso veniva trovato in possesso di gr. 4,2 di sostanza stupefacente del tipo “marijuana”.

Nel pomeriggio della stessa giornata, personale della Squadra Volante, intervenuta nella zona del Porto Vecchio, ha deferito per il reato di “violenza sessuale” S. R., crotonese del 1948, ivi residente in quanto poco prima, palpeggiava il fondo schiena di una minore.

Sempre nella stessa giornata, personale della Divisione P.A.S.I. procedeva ad effettuare controlli amministrativi in questo capoluogo nei confronti di attività di vicinato per la vendita di frutta, verdura e di un laboratorio artigianale. Il successivo accertamento documentale, consentiva di appurare che l’esercizio pubblico in argomento, avesse avviato l’attività di somministrazione di alimenti e bevande, nello specifico di prodotti di rosticceria (arancini), in assenza della prescritta autorizzazione amministrativa in violazione all’art. 64 comma 1 del D.Lgs n. 59/2010, in quanto: “esercitava l’attività di somministrazione di alimenti e bevande, senza la prescritta segnalazione certificata di inizio attività – S.C.I.A.”. Si procedeva, pertanto, ad elevare relativa sanzione amministrativa, ex art. 10 comma 1 della l. n. 287/1991 per un importo in misura ridotta pari ad € 5.000,00, e contestualmente ad interessare l’autorità competente (Sindaco Crotone) per l’emanazione dei provvedimenti di specifica competenza (cessazione immediata attività di somministrazione). Il personale sanitario dell’A.S.P. – S.I.A.N. di Crotone al termine degli specifici accertamenti di carattere igienico – sanitario, procedeva ad impartire con provvedimento la chiusura dei locali adibiti a laboratorio artigianale per la riscontrata mancanza dei minimi requisiti di carattere igienico – sanitario, oltre ad impartire prescrizioni di adeguamento relativamente all’attività di frutteria, con ulteriore richiesta di esibizione documentale. Venivano infine identificati n. 5 dipendenti, dei quali n. 3 risultati regolarmente assunti, mentre per i restanti 2 si procedeva ad interessare il competente Ispettorato Territoriale del Lavoro di Crotone per ulteriori accertamenti di specifica competenza.

Nella giornata del 29 ottobre 2019, di seguito ai fatti occorsi durante l’incontro di calcio “CROTONE – VENEZIA” disputatosi nella giornata di sabato 26 ottobre u.s., allorquando veniva segnalata l’aggressione di un minore, a seguito di attività investigativa posta in essere da personale D.I.G.O.S., veniva individuato R. F. crotonese del 74, con precedenti di Polizia, come autore del vile gesto e pertanto veniva deferito alla competente Autorità Giudiziaria per i reati di “percosse”, “violenza privata” e “minaccia”.
Altresì, il Questore della provincia di Crotone ha emesso, a carico del predetto, un provvedimento di divieto di accesso ai luoghi dove si svolgono manifestazioni sportive (D.A.SPO.) per la durata di anni tre.

Nella mattinata di mercoledì 30 ottobre 2019, personale della Squadra Mobile ha tratto in arresto, in esecuzione dell’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa in data 28.10.2019 dal G.I.P. del Tribunale di Reggio Emilia, M. S. nato a Isola di Capo Rizzuto (KR) classe 1966, indagato per le ipotesi di reato di “estorsione aggravata” e “traffico di sostanze stupefacenti”, in concorso con altri.

Sempre mercoledì 30 ottobre 2019, personale della U.P.G.S.P., in servizio di controllo del territorio, ha conseguito i seguenti risultati:
– segnalato al Sig. Prefetto, ai sensi dell’art. 75 D.P.R. 309/90, in quanto assuntore di sostanze stupefacenti, un crotonese nato nel 1968, poiché trovato in possesso di gr.0.6 di sostanza stupefacente del tipo “cocaina”;
– segnalato al Sig. Prefetto, ai sensi dell’art. 75 D.P.R. 309/90, in quanto assuntore di sostanze stupefacenti, un cittadino di Cariati (CS) classe 2002, poiché trovato in possesso di gr. 2,8 di sostanza stupefacente del tipo “marijuana”.

Nella giornata di giovedì 31 ottobre 2019, personale della U.P.G.S.P., in servizio di controllo del territorio, ha conseguito i seguenti risultati:
– deferito in stato di libertà C. M. crotonese classe 1971 per il reato di “violazione dei provvedimenti di allontanamento dalla casa familiare e del divieto di avvicinamento ai luoghi frequentati dalla persona offesa”;
– segnalato al Sig. Prefetto, ai sensi dell’art. 75 D.P.R. 309/90, in quanto assuntore di sostanze stupefacenti, un cittadino crotonese classe 1968, poiché trovato in possesso di gr. 0,9 di sostanza stupefacente del tipo “cocaina”;
– deferiti in stato di libertà ai sensi dell’art. 73 D.P.R. 309/90, C. D. nato a Torino classe 1997, B. M. M. nato a Rossano (CS) classe 1996 e D. G. nato a cariati (CS) classe 1999. Nella fattispecie, i tre soggetti, alla vista degli operatori di Polizia, lanciavano dal finestrino dell’autovettura sulla quale viaggiavano, della sostanza stupefacente del tipo “marijuana” del peso di gr. 22,9. Inoltre, C. D., nella circostanza autista del veicolo, veniva deferito all’A.G. per il reato di “rifiuto di sottoporsi all’accertamento dello stato di ebbrezza alcolica e dell’uso di sostanze stupefacenti”.

Nella giornata di venerdì 1° novembre 2019, personale dell’U.P.G.S.P. – Squadra Volanti, in circostanze diverse, ha rinvenuto e posto sotto sequestro, a carico di ignoti, in via Lucifero, una bottiglia in vetro con tappo verde forato con inserito un pezzo di stoffa colore azzurro intriso di liquido infiammabile (c.d. molotov); in via Firenze, un involucro in cellophane di colore bianco contenente gr. 0,8 di sostanza stupefacente del tipo “marijuana”; in piazzetta Belvedere, un involucro in cellophane di colore bianco contenente gr. 0,8 di sostanza stupefacente del tipo “marijuana”.

I controlli hanno inoltre portato a elevare, 35 sanzioni per violazioni al Codice della Strada; ad effettuare 9 fermi e sequestri amministrativi e penali; 6 le contestazioni amministrative effettuate; 51 le perquisizioni; 10 persone accompagnate in Ufficio per l’identificazione; due i controlli amministrativi e contestualmente elevata una sanzione amministrativa.