Cronaca

Crotone, condannato a dieci anni e quattro mesi l’uomo che aggredì la dottoressa con un cacciavite

Luigi Amoruso, l’uomo che il 4 dicembre del 2018 aggredì all’uscita dell’Ospedale San Giovanni di Dio la dottoressa, Maria Carmela Calindro è stato condannato a dieci anni e quattro mesi di reclusione.

È’ quanto stabilito, al termine del giudizio col rito abbreviato dal giudice per le udienze preliminari Michele Ciociola.

All’uomo è stata riconosciuta la semi infermità mentale, così come richiesto dai suoi legali, gli avvocati Mario Nigro e Luigi Amoruso.

Il pubblico ministero, Pasquale Festa, aveva chiesto per l’imputato dodici anni di carcere.

Il Gup ha inoltre stabilito il ricovero di Amoruso in una casa di cura per tre anni e lo ha condannato al risarcimento delle parti civili: la dottoressa Maria Carmela Calindro, Mustafa El Aoudi, l’Ordine dei medici di Crotone e l’Asp di Crotone.

Amoruso ferì gravemente con un cacciavite la dottoressa Calindro, medico in servizio all’ospedale civile San Giovanni di Dio e solo grazie all’intervento di Mustafà El Aoudi, che bloccò l’aggressore mentre si accingeva ad infliggerle quello che probabilmente sarebbe stato il colpo definitivo.

L’uomo, dopo la morte della mamma, avvenuta l’anno precedente per un male incurabile, imputava quella morte ai medici dell’ospedale di Crotone, presso il quale la donna era stata ricoverata.