Cronaca

Crotone: Cittadini preoccupati, la fogna torna a sversare a mare

Ancora una volta è dai social che parte l’allarme sversamento in mare di acque reflue a Crotone.
Sono stati tanti i cittadini che nella giornata di ieri hanno denunciato uno sversamento nei pressi della “passerella” tanto da indurre prima la Capitaneria di Porto e successivamente la Procura della Repubblica ad intervenire.
La stagione estiva ormai alla porte, farà sicuramente registrare un elevato numero di presenze turistiche e non solo per gli appuntamenti sportivi che  si svolgeranno in città e per i quali cresce l’attesa.
Quanto accade al di la del Mediterraneo spinge molti turisti a scegliere la Calabria e quindi Crotone e il crotonese come meta delle proprie vacanze, per tanto non si può e non si deve più aspettare.
Dalla Regione Calabria giungono rassicurazioni. Il Ministero dell’Ambiente ha stanziato 2 mln di euron e nominato Domenico Pallaria direttore generale del dipartimento ambiente, commissario.
Sarà l’alto funzionario a gestire questi fondi in collaborazione con la società in house dello stesso Ministero attraverso l’ingegner Giuseppe Iritano.
Dopo l’espletamento della gara d’appalto, vinta da una ditta del vibonese si dovrà collegare il depuratore a quello del Consorzio per lo sviluppo industriale e realizzare le pompe di sollevamento per evitare che si ripresenti il problema dello sversamento dei liquami.
Nei giorni scorsi per ovviare al problema su richiesta dell’assessore Antonella Rizzo la Giunta Regionale ha stanziato 600 mila euro.
I tempi sono però davvero ristretti e come si è potuto sentire, per via del cattivo odore che ieri ha invaso il lungomare ma soprattutto vedere  i liquami iniziano ad affiorare.