Politica

Crotone: Caiazza duro contro i vertici del PD dopo le dimissioni di Spanò e Pesce

Riceviamo e pubblichiamo.

Apprendiamo con grande dispiacere la notizia delle dimissioni di Roberto Spanò da segretario dei giovani democratici di Crotone, nonché quelle del suo vice Dario Pesce, che insieme hanno annunciato la difficile decisione di lasciare il Partito Democratico.

Ma tutto ciò non può scivolare via come avviene per tutte le questioni in Via Panella.
La domanda che ogni dirigente del partito democratico dovrebbe oggi porsi è: “Si poteva evitare?”.
A questa domanda possiamo certamente rispondere in maniera affermativa se rappresentiamo cosa il Partito democratico crotonese, regionale e nazionale ha fatto, o meglio non ha fatto per questi ragazzi.
Anni di ambiguità politica, posizioni pressoché inesistenti sulle grandi tematiche che la società ci pone, quali la richiesta di lavoro, la tutela delle classi deboli, la correttezza del fare amministrativo, la crescita e lo sviluppo di una comunità che sono state più e più volte calpestate in nome del Dio consenso.
Ed ora che abbiamo perso uno dei nostri giovani migliori, dopo aver via via lasciato sul percorso menti brillanti e uomini e donne capaci, dobbiamo con forza, ancora una volta, chiedere che a ragazzi come Spanò venga chiesto quantomeno scusa.
Non esistono deleghe in bianco, perché per noi ogni uomo conta tanto e nessuno più degli altri.
Vengano espulsi immediatamente dal Partito i mediocri lacchè della politica, si chieda il conto, di ciò che non è stato fatto e di ciò che doveva essere fatto, a chi ha amministrato e a chi ha preso scelte incongruenti e incomprensibili senza consultare il popolo sovrano.
Arrivederci Compagno Spanò, la consapevolezza è tutta nostra perché sappiamo che hai regalato i tuoi anni migliori alla Libertà.

Avv Manlio Caiazza
Ex segretario Giovani Democratici di Crotone