Cultura & Spettacolo

Coronavirus, nei Musei archeologici di Crotone e Capo Colonna la cultura non si ferma

Anche ai tempi del Covid-19 il Polo museale della Calabria ed i Musei archeologici di Crotone e Capo Colonna rimangono comunque in attività. Grazie all’uso dei social, in un periodo così sconvolgente come l’attuale per cui è vietato accedere fisicamente alle sale dei musei e dei luoghi della cultura, tantomeno organizzare eventi in loco, abbiamo potenziato la nostra presenza sui social media. Sulla pagina Facebook teniamo infatti regolarmente un post per approfondire tematiche di archeologia, arte e cultura o, comunque, su argomenti che, più o meno direttamente, rientrano nella mission dei nostri presidii e possono attirare l’attenzione dei followers ed altri visitatori saltuari.
Un museo, infatti, non ha solo il compito di mettere in mostra le sue collezioni. Esso va oggi inteso come istituzione accessibile a tutti, che garantisce l’inclusione sociale in quanto attivo entro un sistema di relazioni e di flussi diversi di comunicazione, rivolgendosi così ai residenti, alle scuole, alle comunità locali allargate, oltre che ai turisti.
Chi si rammaricava di non avere avuto modo, tempo ed energie per andare fisicamente a visitare le esposizioni permanenti o le mostre temporanee prima della pandemia, adesso che non si può accedere alle strutture museali si sarà certamente reso conto di quanto grande sia il loro valore per ciascuno di noi. Le iniziative del mese di marzo sono tutte saltate: era prevista una serie di conferenze legate alla mostra sulla museruola equina di Vigna Nuova e sull’arte del cavalcare, avevamo in programma attività con i vari ordini di scuole… Per questo abbiamo deciso di adottare in alternativa iniziative di comunicazione e coinvolgimento in digitale, in modo tale da arrivare comunque ai nostri visitatori!
Il 7 aprile scorso, ad esempio, abbiamo celebrato la giornata mondiale della salute, patrocinata dall’OMS e da altre organizzazioni collegate, proprio in piena emergenza sanitaria internazionale, focalizzando l’attenzione sul ruolo che nel mondo greco antico ebbe la scuola medica crotoniate. Il 25 marzo, data che gli studiosi individuano come inizio del viaggio ultraterreno della Divina Commedia, si è fatto riferimento al Dantedì, la giornata dedicata a Dante Alighieri recentemente istituita dal Ministero. Sempre attraverso la pagina Facebook lunedì 6 aprile abbiamo postato un contributo per la commemorazione del quinto centenario dalla morte di Raffaello Sanzio, mentre domenica 26 aprile è stato condiviso un video entro il flash mob digitale Viaggio in Italia, indetto dal Mibact in collaborazione con Enit e Touring Club, allo scopo di sottolineare l’importanza della bellezza dei nostri territori.
Vi invitiamo dunque a rimanere in contatto con il patrimonio dei musei di Crotone e Capo Colonna, cercando di approfittare per conoscerli e capirli attraverso nuovi tipi di sollecitazioni ed iniziative social: e poter davvero dire che insieme… la cultura non si ferma!