Attualità

Coronavirus, l’Ispettorato Territoriale del Lavoro di Crotone ricorre a canali telematici e telefonici per ridurre il rischio di contagio

L’Ispettorato Territoriale del lavoro di Crotone  informa che in considerazione dell’evoluzione delle problematiche legate al diffondersi del virus COVID – 19 (Coronavirus) e a seguito  delle indicazioni fornite  dall’INL agli Ispettorati territoriali del lavoro volte a minimizzare, per quanto possibile, le attività che comportano uno stretto contatto con il pubblico, al fine di ridurre il rischio di contagio, viene privilegiato nei rapporti con l’utenza il ricorso  a  canali telematici e telefonici.

Pertanto, si invitano i gentili utenti a voler contattare l’Ufficio tramite i seguenti canali istituzionali:

indirizzo email: ITL.Crotone@ispettorato.gov.it;

Tel. (Centralino): 0962-1909301;

pec: ITL.Crotone@pec.ispettorato.gov.it

Si ricorda all’utenza che le richieste d’intervento, così come tutte le istanze relative ad ogni provvedimento, possono essere presentate anche in modalità telematica, allegando un documento d’identità   e servendosi dell’apposita modulistica presente sul sito istituzionale dell’Ispettorato Nazionale del lavoro.

Sarà cura dell’Ufficio, ove necessario, ricontattare il richiedente ai recapiti indicati nell’istanza.

Si ricorda inoltre che è possibile procedere alla dichiarazione di dimissioni ordinarie in autonomia tramite l’apposita procedura on line dal sito www.cliclavoro.gov.it accedendo all’area riservata con le proprie credenziali (PIN dispositivo INPS, oppure SPID).

Tali misure di prescrizione vengono adottate a scopo meramente precauzionale, al solo fine di non dar luogo a momenti, sia pur temporanei, di aggregazione, fermo restando che, ove strettamente necessario, l’utenza potrà prendere appuntamento con l’Ufficio competente ai fini del disbrigo delle pratiche urgenti.

Nel caso di accesso agli uffici di questo Ispettorato Territoriale gli utenti sono invitati ad attenersi alle regole precauzionali prescritte dal Ministero della Salute e dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri, evitando comunque:

–         assembramenti

–         strette di mano

–         mantenendo la distanza di almeno 1 metro dai funzionari e dagli addetti ai servizi vari.