Attualità

Coronavirus, Giuseppe Scandale (Confcommercio Cutro): ” Situazione difficile, ma per salvare le imprese servono liquidità e meno burocrazia”

“La situazione a Cutro è difficile, ma non così drammatica come si possa pensare. Leggiamo notizie che, a nostro avviso, creano solo un allarmismo spropositato e che non rispecchiano la realtà che stiamo vivendo”.
E’ quanto sostiene Giuseppe Scandale presidente di Concommercio Cutro nell’analizzare la situazione che si registra nella sua comunità e nel territorio crotonese
“Queste stesse notizie, spesso non verificate, – prosegue Scandale – hanno additato il paese per l’esistenza di un focolaio di infezione da Covid-19 che ha determinato, da ultimo, la chiusura del paese.
Cutro, come le altre province del territorio, vive il momento con responsabilità, e rispetta coscientemente il provvedimento del Presidente della Regione Iole Santelli, rispettandone le prescrizioni a tutela della salute collettiva.
La comunità cutrese – conclude il presidente di Confcommercio Cutro – si è sempre contraddistinta per la sua tenacia e siamo sicuri che, una volta finita questa emergenza sanitaria, si risolleverà e ritornerà alla vita di sempre.
Per salvare imprese e occupazione servono liquidità a costo zero, meno burocrazia e aiuti strutturali, osserva Giuseppe Scandale. Il timore è che molte aziende cutresi non riescano a riaprire, se la crisi si allunga: non è come spegnere e riaccendere un televisore!”.