Cronaca

Coronavirus, Crotone: “Nel fare la spesa non sempre c’è chi usa il buonsenso”, la denuncia di una cittadina

Dobbiamo stare a casa, dobbiamo osservare le regole per salvaguardare la nostra salute e quella dei nostri cari. Nonostante norme di legge e di buonsenso per limitare i rischi di contagio basta mettersi in fila ad un supermercato per accorgersi che non tutti osservano le disposizioni.

Diversi gli episodi che ci vengono segnalati quotidianamente da chi le regole le rispetta e si dice preoccupato perché ancora in molti non hanno capito la gravità del problema.

L’ultimo, in ordine di tempo, riguarda una cittadina crotonese che questa mattina nel recarsi a fare la spesa ha riscontrato ancora molta negligenza.

“Se da un lato c’è chi, con guanti e mascherina, al supermercato si mette in fila a distanza stabilita – ci scrive la signora – dall’altra c’è chi invece queste distanze non le rispetta.

Non sempre nel fare la spesa c’è chi usa il buonsenso e questo per me è motivo di preoccupazione.

Capita infatti di imbattersi in persone che ridono e scherzano con la mascherina abbassata per poter meglio dialogare, incuranti delle misure. Così come mi è capitato questa mattina mentre ero in fila al supermercato. Così come mi capita di costatare che c’è anche chi va a fare la spesa in coppia dimenticando che il DPCM prevede sia una sola persona della famiglia a recarsi a fare la spesa per tutti. Questo comportamento limita infatti l’ingresso ad altre persone che invece sono costrette ad attendere il loro turno.

Possibile che non si comprenda che osservare le regole che ci sono state impartite sono importanti per la nostra stessa vita? Vado a fare la spesa una volta alla settimana e ogni volta mi trovo a discutere con chi non rispetta le disposizioni.”

A rafforzare lo sfogo della nostra lettrice la foto che Lei stessa ha scattato mentre, questa mattina, era in fila al supermercato.

Purtroppo quanto segnalatoci non è un episodio isolato. Ancora c’è chi fa fatica e quanto segnalato dalla signora oggi ne è la prova. Purtroppo, comportamenti scorretti ci vengono segnalati con frequenza da singoli cittadini e da operatori commerciali che quotidianamente si ritrovano a dover discutere con qualcuno che non osserva le disposizioni di legge.