Politica

Coronavirus, Crotone: Giuseppe Fiorino suggerisce al Commissario Costantino una cabina di regia in vista della Fase 2

Riceviamo e pubblichiamo

Con la sobrietà e il garbo imposte dalla condizione di emergenza – per Crotone è duplice, essendosi incrociati scioglimento anticipato e Covid19 – vorrei evidenziare che alle criticità ormai note si sommano, anche, una parzialissima e insufficiente comunicazione. Le restrizioni e le prescrizioni emanate dal Governo, però, rischiano di rappresentare un’alibi piuttosto che una difficoltà, per non interloquire e interfacciarsi con il mondo dell’Associazionismo, Sindacale e imprenditoriale, delle Istituzioni ai diversi livelli, della direzione dell’ASP e, per ultimo, della politica. Alla Dott.ssa Costantino, incaricata di guidare il Comune di Crotone fino alle prossime elezioni Comunali, non è fatto obbligo di svolgere azioni di carattere politico quali quelle di coinvolgerne i livelli di direzione. Tuttavia, non le sarebbero neppure impedite iniziative di conoscenza e monitoraggio della realtà locale, fidando sulla rete a cui facevo riferimento prima. Le preoccupazioni che raccogliamo fra i cittadini, sono aggravate dall’assenza di una visibilità e di confronto con L’Amministrazione Comunale o di chi, in questa fase, ne fa le veci. Ma non c’è dubbio che la Dott.ssa Costantino, che in questo frangente può avvalersi del prezioso e autorevole osservatorio del Ministero dell’Interno e della Prefettura che l’hanno nominata, ha fatto calare un velo di incomunicabilità’ e, quindi, assenza di contraddittorio fra le scelte degli organismi di Governo e la realtà locale. Sicuramente nulla di preordinato e, anche, suo malgrado, visto il precipitarsi degli eventi. Va da sé, però, che l’approssimarsi della riapertura di alcune attività e l’allentamento dell’obbligo di dimora, implicheranno una serie di accorgimenti, di precauzioni e provvedimenti di competenza Comunale. L’ipotesi di una cabina di regia sarebbe quanto mai utile allo scopo. È già stata avanzata, per azione concertata all’interno del nostro Movimento politico, “Crotone Civica”, dall’amico Alessio Critelli, sebbene senza carattere ufficiale. Immaginare di insediare una cabina di regia consultiva fra i soggetti referenti e legittimati, alcuni dei quali già richiamati, da insediare nell’aula consiliare che, di per sé, garantirebbe il distanziamento fisico. Tutto a partire dal 4 Maggio p.v. se confermato dagli atti del Governo Nazionale di concerto con la Giunta Regionale. La funzione da me esercitata nella passata legislatura – capo gruppo consiliare – mi sollecita ad evidenziare che la ripresa delle attività commerciali e della mobilità delle persone, dovranno avvenire in sicurezza e prevenendo l’insorgere di difficoltà e contrasti che si sommerebbero alla depressione economica. Così come l’aspetto ambientale non potrà essere minimizzato. Andrà garantita la sanificazione completa della Città e la rimozione di ingombranti con attività suppletiva e straordinaria a quella di ordinaria pulizia che dovrà prevedere anche l’uso di idranti. Avevamo contezza dell’espletamento della gara per l’installazione delle telecamere di telesorveglianza; sarebbero utili nelle settimane prossime a garantire vigilanza a distanza. L’allentamento del patto di stabilità potrebbe consentire l’espletamento della selezione dei Vigili Urbani vista l’azione di controllo e prevenzione da svolgere nei prossimi mesi con un organico sotto dimensionato. Cosi come, tenuto conto del distanziamento fisico che ci accompagnerà per i prossimi mesi – speriamo solo mesi- bisognerà concertare con le Associazioni competenti l’uso razionale e in sicurezza dello spazio pubblico. Tanto al Centro quanto sul lungomare, ipotizzare delle piccole ZTL per consentire, alle diverse attività che ne facessero richiesta, di utilizzare suolo pubblico senza aggravi e sospendendo, da marzo a Dicembre prossimo, la tassa di occupazione. Anche l’ipotesi di un uso a targhe alternate della circolazione delle auto è da studiare per evitare il concentrarsi dello smog con il caldo estivo; più che per gli effetti sul virus per le implicazioni sulle vie respiratorie dei cittadini. Di sicuro bisognerà pensare a più di qualche isola pedonale. Insomma, si avverte l’esigenza di affiancare e supportare l’azione della Dott.ssa Costantino. La politica non ha dato un grande esempio di sé nel recente passato e, in verità, non lo sta dando neppure in questa fase tribolata nella quale dovremmo essere un tutt’uno. Ecco perché mi sento di rivolgere un invito al coinvolgimento generale. Scelga la Dott.ssa Costantino i tempi, le procedure e le modalità per costruire questa “catena solidale”. La sede c’è già ed è la casa di tutti i Crotonesi. Siamo a disposizione, con deferenza e fiducia.

Dott.re Giuseppe Fiorino
Già Capogruppo “Crotone Civica”
Consiglio Comunale Comune di Crotone