Cronaca

COLPI DI PISTOLA ALLA DATEL

Non si placano le intimidazioni nella città pitagorica. Dopo i colpi esplosi contro Bagò, il parrucchiere di Via  xxv aprile, le false bombe nei confronti di Trony e MD, sei colpi di pistola, sono stati esplosi contro la saracinesca della Datel, unica realtà che porta oggi economia a Crotone. Alla Datel, infatti lavora gran parte della popolazione, 2.200 dipendenti in tutto. A denunciare l’accaduto, Massimo Labonia, direttore operativo del call center, appartenente al gruppo Abramo. I carabinieri della Compagnia di Crotone, diretti dal maggiore Antonio Mancini, hanno svolto un sopralluogo alla ricerca di elementi utili e analizzato le immagini della videosorveglianza, al fine di fare chiarezza su quanto sta accadendo.

\n