Attualità

Cirò (KR): riaperta al traffico veicolare la SP 7

Riaperta, nella serata di ieri, venerdì 12 luglio la Strada Provinciale 7 nel territorio di Cirò. Un evento molto atteso dall’intera comunità di Cirò a seguito della voragine che si era aperta lungo il tracciato nel novembre del 2018 con innumerevoli disagi per la popolazione a seguito della riduzione di carreggiata prima e chiusura poi.
Per l’Amministrazione guidata dal sindaco Paletta il ripristino della viabilità lungo l’arteria è stata da subito una priorità.

Grazie al lavoro sinergico con l’Amministrazione Provinciale, in testa Ugo Pugliese si è riusciti a far uscire dall’isolamento l’intera comunità cirotana.

“Spesso, troppo spesso – ha dichiarato il Presidente della Provincia Ugo Pugliese -la normalità diventa straordinaria quando si deve, in un territorio vittima da troppo tempo di scelte inadeguate, garantire alle comunità le condizioni ed i servizi minimi necessari. E così oggi – prosegue Pugliese – restituire alla comunità di Cirò la strada provinciale è importante perché incide e influenza (positivamente )la quotidianità dei cittadini di Cirò. Strappare all’isolamento una comunità segna un momento importante, farlo in condivisione e sinergia con l’amministrazione comunale, conferma che stiamo tracciando il percorso giusto. Oggi Cirò e la provinciale 7, qualche giorno fa la Sp5, ma i 27 comuni della provincia devono e avranno attenzione e spazio. Ciascuna comunità – conclude il Presidente dell’Ente intermedio -è parte viva, attiva e fondante della Provincia di Crotone e per questo nessuna potrà essere trascurata e tralasciata.”

Alla riapertura della strada erano presenti il Presidente della Provincia Ugo Pugliese, il sindaco di Cirò Francesco Paletta, il vice presidente dell’Ente intermedio Giuseppe Dell’Aquila e il consigliere provinciale Rino Le Rose.

È stato predisposto un piano provinciale quinquennale di interventi per la viabilità provinciale, un piano che pone quale priorità il collegamento dei comuni alle arterie principali e quindi alla statale 106 ed alla statale 107.
Una scelta non politica, ma tecnica, dettata dalla volontà di garantire a tutte le comunità della provincia di Crotone, in un progetto reale di area vasta, di essere collegati alla città capoluogo e di accedere alle infrastrutture presenti sul territorio così da poter interagire e relazionarsi, economicamente, socialmente e culturalmente con il resto del Paese, condizione indispensabile per mettere in campo progetti e programmi di sviluppo e rilancio del territorio.