Cronaca

Cercano funghi nei boschi della Sila ma si perdono, ritrovati dal fiuto di Full

Sono stati ritrovati grazie al fiuto di Full, uno splendido esemplare di grigione, appartenente all’Unità cinofila da Ricerca di Superficie del Soccorso Alpino due cercatori di funghi dispersi nei boschi di Monte Curcio, nelle montagne della Sila.
L’allarme era stato lanciato, ieri sera, intorno alle ore 19, dai familiari dei due cercatori di funghi A. G. del 1971 di Celico (CS) e M. A. del 1976 di Spezzano della Sila.
Preoccupati, i familiari avevano allertato i Carabinieri di Camigliatello e contestualmente direttamente il Soccorso Alpino Calabria per dare l’allarme di un mancato rientro dei due, sentiti l’ultima volta per telefono alle ore 17 circa e che si trovavano nei boschi vicino Monte Curcio nelle montagne della Sila.

Immediatamente sono partiti verso la zona i Carabinieri della stazione di Camigliatello e una squadra del Soccorso Alpino Calabria della Stazione di Camigliatello dove è stata rinvenuta l’automobile dei due dispersi, sulla strada delle “vette”.

Alla ricerca ha partecipato anche una Unità Cinofila da Ricerca di superficie del Soccorso Alpino: il cane, un grigione di quattro anni di nome Full, ha ritrovato i due dispersi presso i boschi di Macchia Sacra, in buone condizioni, presi poi in carico dagli uomini del Soccorso Alpino e riportati alla macchina sotto una pioggia battente.

L’intervento si è concluso alle ore 21 circa e i due sono stati riconsegnati ai familiari nel frattempo giunti sul posto.