Cronaca

Cambio al vertice dei Vigili del Fuoco di Crotone: Giuseppe Bennardo nuovo comandante subentra a Pier Nicola Dadone

Cambio della guardia al vertice del comando provinciale dei vigili del fuoco di Crotone: l’ingegnere Giuseppe Bennardo è il nuovo comandante. La sua sarà una reggenza provvisoria.

Il passaggio di consegne è avvenuto questa mattina, alla presenza della stampa, nella sala briefing del Comando provinciale di Crotone è subentrato all’ing Pier Nicola Dadone, guida del comando provinciale pitagorico per quasi un anno e tre mesi, ora destinato a ricoprire lo stesso ruolo presso il comando dei vigili del fuoco di Pavia.

Crotone, per l’ing. Pier Nicola Dadone, è stato il primo incarico in qualità di Comandante Provinciale. 54 anni, Dadone si è laureato in Ingegneria Civile al Politecnico di Torino.
E’ entrato come funzionario nel Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco nel 1994 ed ha prestato servizio nei Comandi di Cuneo, Bergamo e Brescia. E’ stato Vice Comandante di Brescia dal 2011 ad inizio 2019.
Ha partecipato alle attività di soccorso in numerose calamità, tra cui i terremoti in Umbria del 1997, a L’Aquila nel 2009, in Emilia nel 2012, in Centro Italia nel 2016.
Si è occupato di sicurezza nelle attività civili ed industriali ed è analista della aziende a rischio di incidente rilevante. E’ stato docente di numerosi corsi sulla sicurezza ed ha svolto lezioni presso l’Università di Brescia, facoltà di Ingegneria.E’ autore di vari articoli scientifici su riviste specializzate in prevenzione incendi. Promosso Dirigente, è stato nominato Comandante Provinciale di Crotone dal 27 maggio 2019 in sostituzione dell’ing. Antonio Casella, a cui subentrò a Crotone ed attuale comandante in quel di Pavia.

Per Bennardo si tratta di un ritorno. L’ingegner Giuseppe Bennardo, arriva dal comando provinciale di Lecce che ha diretto per quasi quattro anni, ora destinato a ricoprire lo stesso ruolo presso il comando dei vigili del fuoco di Cosenza, nonché la reggenza provvisoria del comando di Crotone, in attesa che venga nominato un nuovo comandante. La sua esperienza lavorativa inizia con la direzione dei lavori per la costruzione del tratto autostradale dell’A12 Livorno-Rosignano, occupandosi di ingegneria geotecnica fino al 1990, anno di assunzione nel Corpo Nazionale Vigili del Fuoco. Da funzionario direttivo ha prestato servizio fino all’agosto 1995 presso il Comando Vigili del Fuoco di Asti e poi, dal settembre 1995, presso il Comando Provinciale VV.F. di Catanzaro dove dal 2004 al 2011 ha ricoperto l’incarico di Vice Comandante Vicario. Il 12 ottobre 2011 è stato promosso Primo Dirigente del C.N.VV.F. ed ha assunto prima la titolarità del Comando Provinciale di Crotone fino al 2014, quindi il ruolo di Comandante Provinciale di Vibo Valentia fino al 16 settembre 2016. Nella sua lunga carriera ha avuto modo di partecipare a numerosi interventi di soccorso (dalle alluvioni di Crotone e Sarno, al dissesto idrogeologico in Calabria, al terremoto in Abruzzo, ecc), dando anche un notevole contributo al settore NBCR (Nucleare, Biologico, Chimico e Radiologico). Difatti dal 2005 ha fatto parte del gruppo di lavoro nazionale per la formazione NBCR dei Vigili del Fuoco ricoprendo, negli anni successivi, numerosi incarichi di Coordinatore, Direttore e Docente dei vari corsi regionali e nazionali sulla materia e partecipando a varie esercitazioni nazionali e internazionali. In questo settore sono sicuramente da segnalare la partecipazione nel 2006 al dispositivo di sicurezza NBCR predisposto per le Olimpiadi invernali di Torino e nel 2009 a quello allestito per il Summit G8 de L’Aquila.

La sua vasta conoscenza del territorio avrà sicuramente spinto i vertici ad affidargli il doppio incarico. Sarà dunque responsabile di gran parte del territorio Calabrese, un compito non semplice ma visto il suo curriculum sicuramente tutto andrà nel migliore dei modi. A Crotone sarà presente due volte a settimana. Un cambio che coincide con l’emergenza incendi su un territorio che presenta diverse criticità ma, come ha sostenuto Bennardo in conferenza stampa, il personale è altamente qualificato nonostante sia in numero ridotto.