Sport

Cagliari – Crotone, Nicola e Trotta in conferenza stampa: “Soddisfatti del mercato, ora la parola passa al campo”

Ritorna la serie A. Dopo la chiusura del calciomercato estivo e la sosta per le nazionali è tempo di tornare in campo per il terzo turno del massimo campionato italiano.
Il Crotone, forte dei nuovi acquisti, andrà in scena a Cagliari per la prima trasferta della stagione, occasione in cui verrà inaugurato il nuovo impianto temporaneo dei sardi: la Sardegna Arena.
Questa mattina, nella sala stampa dello Stadio Comunale Ezio Scida, il mister Davide Nicola e l’attaccante Marcello Trotta hanno incontrato i giornalisti per la consueta conferenza pre partita.

Siamo consapevoli di incontrare una squadra che gioca la sua prima partita in casa, dopo due gare (Juventus e Milan n.d.r.) in cui è difficile far punti, cercheranno sicuramente di dare il massimo come d’altronde faremo noi – afferma il tecnico piemontese – il Cagliari ha una sua filosofia definita e spesso tende a cambiare in corsa il proprio modulo. Hanno preso un grande attaccante come Pavoletti per cui mi aspetto che vogliano ben figurare. Noi stiamo acquisendo un’identità chiara, sia nella proposta di gioco che nella convinzione, sono passi in avanti nonostante la salvezza rimanga un discorso molto più ostico rispetto allo scorso anno. Dobbiamo trovare quelle caratteristiche che ci differenziano dagli altri“.

Nicola passa poi in rassegna la situazione relativa agli indisponibili per la trasferta in Sardegna:
Izco e Nalini sono in fase di recupero e Tonev ancora non si sente pronto per via dell’infortunio, probabilmente sarà assente anche Ajeti che in nazionale ha percepito una contusione importante. Rohden invece si è allenato tutta la settimana, come anche Martella, quindi credo che saranno pronti a contribuire“.

Oltre all’imminente gara di campionato, l’allenatore pitagorico ha parlato anche del mercato appena concluso e delle prime impressioni suscitate dai nuovi acquisti:
Ho una fiducia cieca nei confronti della società e delle sue intuizioni, per cui sono molto soddisfatto del mercato, ora sta a me valorizzare i nuovi arrivi. Il nostro obiettivo è proprio quello di far crescere i giovani, siamo comunque una realtà piccola e i giocatori dobbiamo costruirceli in casa. In ogni caso i nuovi sono preparati fisicamente, poiché hanno svolto il ritiro con i loro club precedenti, quindi non ci saranno problemi qualora dovessero essere chiamati in causa. Ovviamente devono avere il tempo di integrarsi, conta anche questo, ma se hanno fame e voglia di emergere possono far bene, poi dipenderà molto dagli allenamenti e dal lavoro quotidiano“.

L’attaccante Marcello Trotta è invece intervenuto riguardo al feeling con il nuovo partner offensivo Budimir e sull’eventuale pressione che deriva dall’ampia concorrenza in avanti: “Con Ante l’affiatamento cresce giorno dopo giorno e lo dimostreremo anche in campo. Rispetto a Falcinelli è più forte fisicamente e compie un lavoro diverso, la squadra gli gira intorno. Col Verona abbiamo creato tanto ma non siamo riusciti a metterla dentro, e purtroppo è quello che fa la differenza. Riguardo alla concorrenza – conclude Trottanon c’è solo Tumminello, tutti quanti vogliono una maglia da titolare, noi dobbiamo solo dare il massimo in allenamento e poi sarà il mister a decidere“.