Sport

Benevento-Crotone: Oddo chiede aggressività e un cambio di marcia

Crotone – Benevento, le due squadre tornano a sfidarsi in occasione della diciassettesima giornata di serie B. Entrambe le squadre sono alla ricerca dei tre punti, il Benevento non vince da tre partite, il Crotone di Oddo è riuscito, dopo una lunga scia negativa, a racimolare un punto contro il Venezia di Zenga. Si vuole uscire dalla crisi e lo si deve fare cambiando marcia ha sostenuto Oddo in conferenza stampa. “Da parte dei ragazzi c’è la consapevolezza – ha sottolineato il tecnico di poter fare risultato a Benevento. Abbiamo i mezzi per tirarci fuori da questa situazione. Al di là del modulo quello che conta è soprattutto lo spirito con cui si scende in campo”. Diverse le assenze nelle fila del Crotone, non saranno della partita Curado, Marchizza e Crociata sottoposto venerdì scorso ad intervento e lo squalificato Vaisanen. Torna Benali, un ritorno molto atteso da tecnico e tifosi, della partita sarà anche Faraoni dopo l’infortunio contro il Venezia. In campo anche Nalini che in settimana è diventato papà. Al Vigorito si deve cambiare marcia. L’imperativo, così come tutte le domeniche è fare punti, scrollarsi di dosso la negatività che sta accompagnando soprattutto psicologicamente la squadra.
Ciò che conta ha sottolineato ancora il tecnico in corso di conferenza stampa non è il modulo, che al Vigorito potrebbe essere il 4-3-3 ma bensì lo spirito con cui si affronta l’avversario”.
La sua squadra del resto dispone di uomini come Nalini, Budimir eStoian che ad avviso del tecnico sono “tra i giocatori più forti della serie B”.
Il positivo in questa squadra ha sostenuto ancora Oddo c’è, in settimana durante gli allenamenti si vede, purtroppo quando non si fanno punti tutto diventa negativo anche ciò che non lo è. L’invito è a supportare la squadra affinché ritrovi quell’aggressività necessaria a fare risultato.
L’incontro di questa sera sarà diretto dal trentenne Antonio Giua, della sezione di Olbia, che avrà come collaboratori di linea Pasquale Capaldo di Napoli e Fabrizio Lombardo di Sesto San Giovanni, IV uomo Lorenzo Iluzzi di Molfetta. Un arbitro giovane, alla sua seconda stagione in B.

Articoli correlati