Cronaca

Basta vittime sulla SS 106 su raddoppio arteria

L’Associazione “Basta Vittime Sulla Strada Statale 106” ormai da tempo nota una svariata serie di affermazioni che vorrebbero – sulla Nuova S.S.106 nell’alto jonio cosentino – il raddoppio del tracciato esistente (a meno dei comuni di Roseto, Amendolara e Trebisacce che verrebbero attraversati da tre variati), con presunti costi e tempi addirittura minori rispetto a quellui previsti per l’attuale progetto definitivo. Tali affermazioni risultano totalmente errate. L’allargamento della piattaforma stradale attuale, infatti, comporterebbe la demolizione della attuale E90 (con trasporto a discarica di centinaia di migliaia di metri cubi di materiale), l’abbattimento di una serie di abitazioni e strutture esistenti, l’esproprio di una serie di terreni con una destinazione di edificabilità, la necessità di reperire notevoli spazi per la realizzazione di molte complanari per il collegamento alle numerose viabilità locali ed, infine, la reintroduzione di gallerie naturali di lunghezza superiore al progetto definitivo in approvazione, necessarie a bypassare i tre centri abitati. Tutto ciò senza tenere conto che la scelta di adottare per il potenziamento della SS106 un corridoio a sufficiente distanza dalla costa, inoltre, corrisponde ad una esigenza e scelta progettuale già definita dalla competente Commissione Tecnica VIA sia in fase preliminare che definitiva. L’associazione ritiene altresì incredibili le affermazioni relative al rischio (paventato da pochi), che l’esecuzione del 3° Megalotto della S.S.106 tra Sibari e Roseto possa dar vita ad una “eterna incompiuta”: è noto sin dal bando di gara che una parte dell’opera (primo stralcio), è finanziata così come è nota l’implicita volontà di reperire le quote mancanti. Volontà peraltro confermata nel DEF “Documento di Economia e Finanza 2015” che alla S.S.106 non destina solo i 512 milioni di euro mancanti per il secondo stralcio della Nuova S.S.106 nell’alto jonio ma ne impegna ben 6.138. L’Associazione “Basta Vittime Sulla Strada Statale 106” intende, inoltre, ricordare anche a chi, si legge nel comunicato, sembra aver perso la memoria che il progetto ha ottenuto il parere favorevole dei Ministeri dell’Ambiente e dei Beni Culturali evidenziando che “sussiste una sostanziale coerenza del Progetto Definitivo con il Progetto Preliminare oggetto della Delibera CIPE n. 103/2007” e che “per le parti di progetto oggetto di variazione sussiste la compatibilità ambientale”. In ultimo intende ribadire l’assoluta indigniazione che deriva dall’atteggiamento poco propositivo, per niente positivo e decisamente errato di chi, senza evidentemente avere alcuna capacità di comprendere aspetti tecnici e procedurali (o peggio strumentalmente), dichiara assurdità ormai inutili atteso che il progetto è destinato ad essere avviato senza più alcuna variazione. Nell’aggiungere: per fortuna! L’associazione si dice stupita dal comportamento di chi di fronte a questa situazione ancora tenta di creare ostacoli all’avvio dell’opera e chiede un impegno serio e deciso in favore di una infrastruttura necessaria alla Calabria.