Cronaca

Bandiere in mare e insulti all’indirizzo dei militanti della Lega di Crotone sul lungomare cittadino

“Ieri sera verso le 23,30 circa, stavamo provvedendo a smontare, sul Lungomare, il gazebo della Lega di Crotone – al quale erano presenti anche alcuni candidati alle prossime elezioni amministrative di Crotone, tra cui la Coordinatrice provinciale della Lega Giovani di Crotone, Marisa Luana Cavallo, Francesco Pariano , Armand Donamorte, Francesco Gentile, D’Urso Manuel – quando tre soggetti, furtivamente, hanno sottratto due bandiere della Lega, che hanno pensato di gettare in mare”.
E’ quanto denuncia, questa mattina, in post su Facebook, il Coordinatore Provinciale della Lega avvocato Giancarlo Cerrelli corredando la denuncia di foto relative all’episodio e al Tempestivo intervento degli uomini della Polizia di Stato.

“Ci siamo subito accorti dell’accaduto e abbiamo prontamente recuperato le bandiere in mare. I soggetti autori del misfatto, tuttavia, non contenti di ciò, hanno iniziato ad apostrofare i numerosi militanti della Lega presenti al gazebo, con l’epiteto di “fascisti di….”.
A quel punto è stata chiamata la Polizia, che è prontamente intervenuta con due pattuglie e che ringraziamo, che dopo un breve inseguimento ha identificato i soggetti in questione.
Il grave atto avvenuto ieri sera – conclude l’avvocato Cerrelli – evidenzia l’intolleranza dei cosiddetti tolleranti che non sanno usare la forza delle idee, ma soltanto la più bieca intolleranza, condita da violenza fisica e verbale. Noi non siamo così, siamo leghisti!!!”.