Cronaca

Assolto con formula piena l’ex calciatore Francesco Modesto, era accusato di usura aggravata dal metodo mafioso

Finisce l’incubo dell’ex calciatore Francesco Modesto. L’attuale tecnico del Rende, accusato di usura aggravata dal metodo mafioso nell’ambito dell’operazione “Laqueo”, è stato assolto per non aver commesso il fatto dal Gup di Catanzaro, Francesca Pizii, durante il processo con rito abbreviato che si è svolto questa mattina. L’accusa aveva chiesto per l’ex difensore di Crotone e Reggina una condanna a 8 anni di reclusione, ma il tribunale distrettuale ha accolto positivamente la tesi difensiva degli avvocati difensori Leo Sulla e Pasquale Marzocchi, respingendo la richiesta del Pubblico Ministero.

Articoli correlati