Sport

Apnea: si è svolto al PalaGiovino di Catanzaro Lido il “II Trofeo Isola Ambiente Apnea”

L’A.S.D. Isola Ambiente Apnea e il Gruppo Sportivo della Lega Navale Italiana Sezione Le Castella, lo scorso 8 dicembre 2019 hanno dato vita al “II Trofeo Isola Ambiente Apnea”, una manifestazione sportiva di apnea indoor valida per i passaggi di categoria a livello nazionale, sponsorizzata dal dipartimento Sport e Turismo della Regione Calabria, sotto il patrocinio del Comune di Isola di Capo Rizzuto e l’egida della Federazione Italiana Pesca Sportiva e Attività Subacquee (FIPSAS) .

La manifestazione si è svolta nell’unica struttura disponibile e meno distante, la piscina del “Poligiovino” a Catanzaro Lido egregiamente gestita dall’associazione Calabria Swim Race guidata dal dinamico presidente Domenico Gallo.

Alla gara hanno partecipato atleti provenienti da tutta la Calabria, dalla Sicilia e dalla Campania.

Gli atleti, di entrambi i sessi, vi hanno preso parte nelle categorie: juniores, seniores e master; alcuni hanno partecipato nella categoria con attrezzi (pinne), altri senza attrezzi (a rana); solo un atleta, il giovanissimo (16 anni appena compiuti) Riillo Marco del Gruppo Sportivo della Lega Navale Italiana di Le Castella ha partecipato ad entrambe le categorie (una distanza per il pinnato e un’altra distanza per la rana).

Tutti gli atleti, nel corso delle diverse gare, hanno raggiunto le performance programmate.

L’ASD Isola Ambiente Apnea sottolinea, a tale proposito, che le performance degli atleti si sono svolte tutte in apnea, quindi trattenendo il fiato per tutto il tempo della prova.

La manifestazione, prevedeva, al suo interno oltre che una gara sulla distanza, come da protocollo federale, (minima o massima da raggiungere, appunto per “passare di categoria”) anche una gara a tempo: gli atleti, il giorno prima della gara, comunicano al giudice designato la distanza che intendono raggiungere e il tempo che impiegheranno: l’atleta che raggiunge la distanza dichiarata e che si avvicina di più al tempo dichiarato vince questa gara.

La gara sportiva a tempo a pinne ha visto il successo tra i seniores dell’atleta di A.S.D. Isola Ambiente Apnea Antonio Astorino (50 metri per un tempo di 42,34 secondi su 42,00 secondi dichiarati), al secondo posto un altro atleta della stessa società Mario Scicchitano (50 metri per un tempo di 47,54 secondi su 48,00 secondi dichiarati)e, al terzo posto Francesco Loiacono del Gruppo Sportivo della L.N.I. Le Castella (50 metri per un tempo di 55,78 secondi su 55,00 secondi dichiarati). Tra gli juniores under 14 il primo posto è stato appannaggio dell’atleta catanzarese Francesco Loprete (25 metri), mentre tra gli atleti juniores sopra i 14 anni ha vinto Marco Riillo del G.S. della LNI Le Castella davanti a Antonio Russo dell’A.S.D. Isola Ambiente Apnea, entrambi con 50 metri. Nel settore femminile ha raggiunto il suo obiettivo ed il primo posto la atleta del New Sport Fishing Barbara Perri anche lei nella categoria dei 50 metri.

Come comprensibile capire, questo tipo di gare, prevedono un’organizzazione estremamente sofisticata ed efficiente per garantire, soprattutto, la sicurezza degli atleti in gara, pertanto sono stati coinvolti 11 soci delle due associazioni organizzatrici, che ringraziamo vivamente per la disponibilità e la dedizione, che hanno vegliato in acqua e a secco sugli atleti, sia durante la gara che durante il periodo di warmap di preparazione; è stato incaricato anche un medico a bordo vasca pronto ad intervenire in caso di bisogno, e un’ambulanza con due operatori sanitari con bombola di ossigeno pronta.

L’apnea prevede diverse categorie dovute, sostanzialmente alle distanze raggiunte, il massimo per la categoria dinamica a pinne è rappresentata dalla categoria “elite” appannaggio degli atleti che raggiungono e/o superano la distanza dei 125,00 metri in apnea…

Hanno raggiunto questa distanza di 125,00 metri con pinne sia l’atleta crotonese Arabia Salvatore appartenente all’a A.S.D. Isola Ambiente Apnea che l’atleta siciliano Massimo Mollica della Dugongo Team.

Oltre questa distanza la gara è solo sulla massima distanza raggiunta, e qui hanno gareggiato e raggiunto i loro massimali sia Massimiliano Rifici che Domenico Ruvolo, entrambi atleti del Dugongo Team di Messina che hanno raggiunto, rispettivamente, la strepitosa distanza di 175,00 e 150,00 metri in apnea per un tempo di permanenza sott’acqua di circa 2 minuti e 50 secondi circa…

Nella gara senza attrezzi seniores, da svolgersi a piedi nudi e nello stile c.d. “a rana”, la migliore performance è stata dell’atleta Fiammetta Scalfati dell’A.N.S. Diving Ischia che ha raggiunto i 75 metri, misura che gli vale il riconoscimento della categoria “elite” a livello nazionale. Curiosa la situazione di questa fortissima atleta campana che, vivendo spesso all’estero ha sempre gareggiato per la federazione internazionale A.I.D.A.; per poter gareggiare in Italia, doveva avere riconosciuta la misura minima di 75 metri in una gara svolta in Italia. Per la sua gara la Federazione Nazionale ha inviato un giudice dedicato nella figura dell’avv. Andrea Scimone giudice e consigliere federale che ha provveduto a certificare il raggiungimento della distanza.

Nella gara senza attrezzi juniores ha gareggiato, per la categoria esordienti l’atleta del Gruppo Sportivo della LNI Sezione Le Castella Marco Riillo; la riuscita dell’ingresso nella categoria prevedeva il raggiungimento dei 25 metri che l’atleta ha raggiunto nel tempo di 23,98 secondi su 24,00 dichiarati.

Nonostante lo spostamento della manifestazione sportiva a Catanzaro Lido, per indisponibilità delle strutture nella provincia di Crotone, ha partecipato un discreto pubblico che hanno potuto apprezzare la comodità degli spalti di una delle migliori piscine da 25 metri della regione.

La FIPSAS regionale, nella persona del suo Presidente Antonio Debilio e del responsabile regionale della subacquea (nonché Consigliere Nazionale) Andrea Scimone, presenti durante tutta la durata, hanno fortemente voluto e contribuito fattivamente a questa manifestazione sportiva, per la quale sono stati incaricati ben tre giudici di gara, Tonino Desimone in funzione di giudice di gara principale, e Fabio Loprete e Mercurio Pasquale in funzione di assistenti.

Anche il comune di Isola di Capo Rizzuto ha voluto essere presente alla manifestazione nella persona del neo Assessore all’istruzione e ai rapporti istituzionali, avv. Maria Pangallo, che ha sottolineato la soddisfazione per la riuscita della bellissima manifestazione sportiva e ha assicurato la vicinanza della nuova amministrazione comunale verso il mondo dell’associazionismo sportivo che si trasforma in uno strumento anche di promozione del territorio.