Attualità

Aeroporto Sant’Anna: definiti gli oneri di servizio, si attende l’atto formale del Ministero

Si è conclusa in largo anticipo ieri la Conferenza dei Servizi tenutasi a Roma e tesa a discutere della continuità volativa dello scalo aeroportuale di Crotone per l’ottenimento degli oneri di servizio.
“Ieri mattina ho presieduto la seduta conclusiva della Conferenza dei Servizi sugli oneri di servizio pubblico per i collegamenti aerei dell’aeroporto di Crotone che si è chiusa in venti giorni rispetto ai 45 previsti”.
E’ quanto afferma, in una nota, il Presidente della Regione, Mario Oliverio.
“La riunione -prosegue la nota- si è conclusa con la completa definizione del contenuto degli oneri ed ha registrato la convergenza all’unanimità e senza condizioni di Regione, Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, Ente Nazionale Aviazione Civile, Provincia di Crotone, Comune di Crotone e SACAL.
I collegamenti prescelti sono stati Roma Fiumicino, Torino e Venezia.
Il collegamento per Roma è coperto con frequenza giornaliera per un periodo di tre anni, prorogabili a 4.
Il collegamento per Torino è coperto con frequenza trisettimanale e quello per Venezia con frequenza bisettimanale, entrambi per un periodo di due anni, anche questi prorogabili a 4. Ci sarà un regime tariffario differenziato con costi più contenuti per i residenti nella Regione Calabria”.
“Adesso -conclude il Presidente Oliverio- il percorso riprenderà presso il Ministero per l’assunzione dell’atto formale di imposizione degli oneri, per le comunicazioni alla Commissione Europea e per la selezione delle compagnie che effettueranno i servizi. Si è compiuto un altro importante passo nella direzione di garantire il sacrosanto diritto alla mobilità – a lungo violato- per circa 300.000 calabresi residenti nel territorio crotonese, catanzarese e Cosentino”.

Soddisfazione per il lavoro svolto è stata inoltre espressa dal sindaco di Crotone Ugo Pugliese.