Cronaca

Accoglienza migranti: Funzionario della Prefettura di Catanzaro favorì un imprenditore, due arresti

Gli uomini della Squadra Mobile di Catanzaro hanno tratto in arresto un funzionario della Prefettura di Catanzaro e un imprenditore lametino che gestisce una struttura di accoglienza per migranti, i due sono stati posti ai domiciliari.
Si tratta di Nerina Renda, 53 anni, di Lamezia Terme, e Salvatore Lucchino, 73 anni, ritenuti responsabili, in concorso tra loro, del reato di corruzione per un atto contrario ai doveri d’ufficio. Le indagini, coordinate dalla Procura della Repubblica di Catanzaro diretta da Nicola Gratteri, hanno permesso di accertare che Renda, funzionario in servizio, all’epoca dei fatti, nell’area IV – Settore Immigrazione Rifugiati – della Prefettura di Catanzaro ha favorito, a fronte di un corrispettivo economico, l’imprenditore lametino impegnato nel settore dell’accoglienza ai migranti, gestore della società cooperativa Gianal, nella instaurazione di un rapporto convenzionale con la Prefettura per la gestione del servizio dei migranti richiedenti protezione internazionale. L’indagine, coordinata dal sostituto procuratore Paolo Petrolo e dal procuratore aggiunto Giovanni Bombardieri, e’ stata avviata dopo la stipula, il 29 dicembre 2014, di una convenzione tra la Gianal Srl e la Prefettura, al termine della gara d’appalto bandita per l’assegnazione del servizio. La polizia ha evidenziato che Lucchino aveva stretto una relazione con Renda, al punto che nel giugno 2015 l’uomo ha ceduto alla donna un immobile sito nel comune di Feroleto Antico. Renda, secondo le indagini della Mobile, avrebbe partecipato attivamente all’espletamento della procedura di gara indetta dalla Prefettura di Catanzaro, anche attraverso sopralluoghi e ispezioni nella struttura di Lucchino, esprimendo parere positivo. Renda, trasferita dal precedente incarico, avrebbe anche svolto il ruolo di amministratore “di fatto” del centro. L’abitazione donata a Renda é stata sequestrata, mentre sarebbe emerso che l’imprenditore avrebbe donato alla donna diverse somme di denaro.