Cultura & Spettacolo

A Strongoli tutto è pronto per il Carnevale

E’ tutto pronto a Strongoli per festeggiare il Carnevale. Associazioni, Scuole, Parrocchie, Scuole di Ballo ed Enti, tutte insieme hanno organizzato in modo armonioso, anche quest’anno, la sfilata di Carnevale. L’evento come da programma si svolgerà a Marina di Strongoli domenica 26 febbraio con partenza alle ore 14:30 nel piazzale antistante l’ex Lido la Playa, in Via dei Lucani. Il percorso si snoderà successivamente da Piazza Magna Grecia, percorrendo le vie principali della marina fino ad arrivare nei pressi del lungomare dove ad attendere il corteo ci saranno i protagonisti con coriandoli e tanta musica. In piazza anche pop corn e zucchero filato. Alla manifestazione parteciperà Event Tour che sarà presente con diverse iniziative per allietare la domenica di festa (trucca bimbi, palloncini, giochi di magia). Si tratta di un evento che coinvolgerà giovani e bambini di ogni età impegnati con vestiti a tema e con giganteschi carri allegorici che sfileranno nel capoluogo turistico. Gli organizzatori hanno lasciato spazio comunque alla fantasia. L’appuntamento dunque è fissato alle ore 14.30 nella villetta di località 215, ex Lido la Playa, dove prenderà il via la sfilata dei carri e delle maschere. Nell’allegria dei carri si svolgeranno anche alcune recitazioni e poesie a cura delle scuole. Per un giorno la cittadina di marina di Strongoli si trasformerà nella fabbrica del divertimento. A realizzare la manifestazioni sono stati in tanti: volontari di Associazioni, Scuole, Parrocchie, Scuole di Ballo ed Enti al lavoro nei ritagli di tempo libero, ed impegnati nella realizzazione di veri e propri teatri viaggianti. Gli organizzatori tengono a precisare che “durante la sfilata sarà vietato l’utilizzo di bombolette spray e di schiuma il cui contenuto possa arrecare danno a persone e cose; sarà vietato anche manganelli e martelli in gomma rigida. Sarà consentito l’uso di coriandoli”. Musica e divertimento in maschera assicureranno la giusta dose di divertimento.
Gianni LeRose