Attualità

A Catanzaro eseguito per la prima volta intervento di angioplastica con un robot

Per la prima volta in Italia é stato eseguito un intervento di angioplastica con un robot. La coronaria di un paziente di 64 anni é stata disostruita con successo per via percutanea utilizzando il sistema robotizzato, sviluppato dal centro di ricerche del dipartimento di Cardiologia dell’Universita’ Magna Graecia di Catanzaro, con la collaborazione degli esperti del gruppo high tech CHT. Il paziente, con precedente infarto miocardico, é stato dimesso dopo due giorni con un normale decorso post-procedura. L’intervento é stato effettuato il 22 gennaio scorso da Ciro Indolfi, Ordinario di Cardiologia, direttore del Centro di Ricerche delle Malattie Cardiovascolari dell’Università Magna Graecia di Catanzaro e presidente della Società Italiana di Cardiologia, con l’equipe dell’Emodinamica dell’Azienda Ospedaliero Universitaria Mater Domini di Catanzaro, composta da Salvatore De Rosa, Alberto Polimeni, Carmen Spaccarotella e Annalisa Mongiardo. “Il nostro robot – ha spiegato Indolfi – ci ha consentito di effettuare con successo e precisione tutti i passaggi dell’intervento di angioplastica. In particolare, e’ stata eseguita prima la dilatazione della stenosi con un palloncino entrando dall’arteria del polso e poi e’ stato impiantato uno stent medicato. Il sistema robotico e’ costituito da un braccio mobile meccanico che provvede all’avanzamento e alla rotazione delle guide metalliche, dei cateteri e degli stent con sensori eseguendo tali movimenti con sicurezza e precisione, grazie alla visione amplificata dell’area interessata, e riducendo cosi’ il rischio di errore e di recidiva”.  (AGI)

Articoli correlati