GERARDO SACCO STRISCIA
METAL CARPENTERIA
METAL CARPENTERIA

VIDEO | L’ultimo saluto della Curva Sud a Salvatore Longo, vecchio cuore rossoblù

Pubblicato il 8 aprile 2017 alle 18:50

Ieri sera ci ha lasciati un amico, un fratello per molti, uno zio più grande, sempre pronto a dar consigli, per altri. Ieri sera si è spento Salvatore Longo, un pilastro della tifoseria organizzata. Un’icona sia per la vecchia guardia che per le nuove leve presenti in quella curva. Un uomo buono e cordiale che ha lasciato in tutta la comunità pitagorica e soprattutto nel cuore degli ultras un vuoto incolmabile.
In questo triste giorno chi ti conosceva stenta a elaborare il tutto, immergendosi tra l’incredulità che deriva dalla tua improvvisa scomparsa, alle migliaia di ricordi indelebili di chi ha vissuto con te tanti momenti, di chi insieme a te ha condiviso tante battaglie e milioni di avventure, di chi al tuo fianco ha macinato chilometri sin dai tempi dei polverosi campi delle leghe minori, fino ad arrivare a questa storica prima esperienza in serie A che per fortuna hai avuto il tempo di vivere in parte.
Vogliamo ricordarti col tuo sorriso, la tua simpatia, l’educazione e soprattutto l’umiltà che contraddistingueva il tuo carattere. Ora tra le inevitabili lacrime colme di dolore che ci scorrono tra le gote ci piace immaginarti alle porte del paradiso, con la sciarpa al collo e la tua solita goliardia mentre sposti San Pietro e corri ad abbracciare Giorgio, Francesco, Tuma e tutti gli altri. Pronti a intonare cori da lassù, guardandoci dall’alto e continuando a sbandierare quello stemma, quei due colori che ci hanno reso simili. Quei due colori a cui hai dedicato la tua vita e che ora hai portato con te in cielo, proprio come recita il famoso coro che si alza ogni domenica dagli spalti dello Scida.

Ciao Salvatore, vecchio cuore rossoblù.
Che la terra ti sia lieve.

EUROSPAR FASCIONE

wesud è aperto alla condivisione di materiale e di idee, la responsabilità civile e penale di manoscritti e immagini ricevute è da imputare esclusivamente agli autori. La redazione, pertanto, non è da considerarsi necessariamente in linea con gli stessi.

Redazione WeSud